facebook linkedin

il blog di creho

Credito alle imprese: un buon momento in generale, meno per le PMI

25/07/2018

credito alle imprese

È un buon momento per richiedere un finanziamento per la tua azienda? Oppure è meglio aspettare tempi migliori per il credito alle imprese?

 

Capirlo non è facile, né lo è orientarsi fra tassi d’interesse fissi e variabili, istituti di credito e agenzie di rating. Uno degli strumenti più utili per farsi un’idea in merito è il Bollettino Economico che la Banca d’Italia emette trimestralmente, un documento abbastanza tecnico ma di cui abbiamo fatto una sintesi qui per capire meglio qual è la situazione del credito alle imprese in Italia al momento.

Il Bollettino del primo trimestre di quest’anno, emesso ad aprile 2018, descrive un momento favorevole per le richieste di finanziamento, soprattutto per le aziende di dimensioni maggiori, per le quali l’accesso al credito rimane stabile su condizioni ottimali e tassi d’interesse favorevoli.

La situazione invece appare meno rosea per le piccole e medie imprese italiane che, stando a quanto emerge dal report, faticano ad ottenere liquidità dalle banche e si vedono attribuire tassi d’interesse mediamente più alti.

Credito alle imprese: come stanno le aziende italiane?

Prima di addentrarci nei dettagli relativi all’accesso al credito per le imprese italiane, diamo uno sguardo più generale alle condizioni di queste ultime. Il Bollettino di Banca d’Italia ci mostra un quadro complessivo piuttosto positivo – pur con alcune complessità – che possiamo riassumere nei seguenti punti:

  • fiducia elevata: le imprese hanno fiducia nei mercati e nella situazione economica italiana;
  • crescita degli investimenti: sono aumentati gli investimenti delle imprese, soprattutto in mezzi di trasporto, macchinari, attrezzature e costruzioni;
  • buone previsioni di investimenti futuri: le imprese che prevedono di aumentare la spesa per gli investimenti nel 2018 sono più di quelle che intendono diminuirla;
  • stagnazione della produzione industriale: la produzione delle imprese è rimasta stabile nell’ultimo trimestre;
  • competitività di prezzo stabile: la competitività relativa al prezzo dei prodotti (ovvero quanto i prezzi dei prodotti finali siano competitivi sul mercato) è stabile, rispetto ad un calo complessivo delle maggiori economie dell’eurozona;
  • calo della redditività: la redditività, ovvero il ritorno sull’investimento, è in calo per via dell’aumento del prezzo del lavoro;
  • aumento del debito: sale il debito complessivo delle imprese in relazione al PIL, anche per via delle condizioni favorevoli dell’accesso al credito, come approfondiremo poco sotto.

Credito per le imprese: quali riescono ad accedere?

Veniamo dunque al cuore dell’argomento: quali sono attualmente le condizioni di accesso al credito per le imprese Italiane? Quali sono i settori che ottengono più facilmente il credito e quali quelli che fanno più fatica? C’è differenza, e quanta, fra imprese grandi, medie e piccole?

La fiducia elevata delle imprese e la crescita degli investimenti hanno rafforzato la domanda di credito, mentre l’offerta è rimasta stabile su condizioni favorevoli.

In altre parole, le banche hanno mantenuto tassi di interesse basso e hanno concesso crediti con una certa facilità alle imprese, le quali hanno aumentato le richieste di finanziamento per effettuare investimenti.

Più nel dettaglio, nei mesi di dicembre 2017 e gennaio e febbraio 2018 i prestiti al settore privato non finanziario sono aumentati del 2,3 per cento rispetto al periodo precedente.

Alcuni fattori hanno contribuito a far ammorbidire le condizioni di accesso al credito per le imprese:

  • diminuzione, per quanto riguarda le banche, dei costi di provvista (ovvero gli interessi pagati dalle banche ai propri clienti) e dei vincoli di bilancio;
  • bassa percezione del rischio;
  • alti livelli di concorrenza fra istituti di credito.

Per quanto riguarda la domanda di credito da parte delle imprese invece, i fattori che hanno maggiormente inciso sulla sua espansione sono stati:

  • aumento degli investimenti;
  • aumento delle scorte di capitale e del capitale circolante;
  • tassi d’interesse favorevoli.

Condizioni favorevoli per manifattura e servizi, meno per l’edilizia

Per quanto riguarda le differenze fra i settori, manifattura e servizi hanno beneficiato di una netta crescita dei finanziamenti. Non decolla invece il settore dell’edilizia, per il quale l’accesso al credito risulta più difficile.

credito alle imprese 2018 grafico 1 Fonte: Banca d’Italia, Bollettino Economico aprile 2018

 

Sulla diversa distribuzione settoriale pesano le differenti condizioni di accesso al credito per le imprese offerte dal settore bancario. Come si nota dal grafico 2 – riquadro b, le condizioni sono stabilmente favorevoli per il settore della manifattura, piuttosto favorevoli per i servizi, mentre piuttosto sfavorevoli per quanto riguarda l’edilizia.

A pesare sulla difficile situazione creditizia del settore edile sono il più elevato rischio d’impresa ed una certa sfiducia da parte dei mercati, strascico fisiologico della crisi del 2009.

 

credito alle imprese grafico 2 Fonte: Banca d’Italia, Bollettino Economico aprile 2018

 

Credito alle imprese: differenze fra grandi e piccole 

Come anticipato in apertura, nonostante la situazione generale favorevole, restano importanti le differenze fra le condizioni di accesso al credito delle grandi imprese rispetto a quelle delle PMI.

Se per le grandi (con oltre 249 dipendenti) infatti le condizioni continuano nettamente a migliorare, per le medie imprese (50-249 dipendenti) restano stabili, mentre peggiorano per le imprese più piccole (fino a 49 dipendenti).  

La netta differenza è dovuta a una serie di fattori. Per una banca è tendenzialmente più rischioso concedere credito a realtà più piccole, che offrono minori garanzie, appaiono meno stabili e presentano bilanci meno performanti. Soprattutto in una fase post-crisi in cui le banche continuano ad assumere un atteggiamento molto prudente.

Inoltre per le piccole e medie imprese risulta spesso difficile avere a che fare con gli istituti bancari che utilizzano termini e strumenti spesso poco accessibili, fuori dalla loro area di competenza (rating, assorbimento di capitali, ecc.).

È il momento giusto per chiedere un finanziamento?

Per gli imprenditori che stanno pensando di chiedere un finanziamento il momento rimane favorevole, ma alcuni segnali legati alla situazione geopolitica ed economica internazionale (imposizione di dazi da parte del governo statunitense, incertezze sulle politiche monetarie di alcuni paesi europei) consiglierebbero di affrettarsi, perché non è detto che tali condizioni resistano a lungo.

E se per quanto riguarda le piccole e medie imprese le condizioni non sono complessivamente così favorevoli, è pur vero che oggi le banche non sono più l’unico canale per avere accesso a liquidità immediata.

Nuova linfa alle soluzioni per le imprese viene oggi dal fintech, grazie al quale infatti l’accesso al credito è più semplice, anche per aziende meno strutturate.

Con tassi d’interesse decisamente competitivi e una maggiore capacità di gestione del cliente – più rapida e attenta rispetto agli istituti di credito tradizionali – le società di mediazione sono oggi il riferimento privilegiato per le imprese che necessitano di liquidità immediata per la gestione dell’attività.

Il report di Banca d’Italia non deve quindi scoraggiare le PMI – secondo i dati le più penalizzate dalle banche – perché una valida alternativa, tagliata sulle loro esigenze, esiste già.

Per scoprire come ottenere liquidità per la tua PMI senza passare dalla banca e ai prezzi più bassi del mercato, contattaci.

 




le ultime dal blog



pagamenti pa

I tempi dei pagamenti PA: Italia maglia nera in Europa

11/01/2019

Il ritardo nei pagamenti PA rappresenta un problema soprattutto per le PMI. La soluzione? Cessione dei crediti verso PA e finanziamenti in primis.

cedere crediti PA

“Le nostre imprese”: cedere crediti PA e recuperare 6 milioni di euro con un debitore ad alto rischio.

08/01/2019

Un’impresa edile con un contratto per oltre 6 milioni con una municipalizzata sceglie di cedere i crediti PA.

guida_finanziamento

Guida alla scelta del finanziamento

03/01/2019

Scopri qual è la tipologia di finanziamento più adatta alle tue esigenze con l’ebook di CreHo “Guida alla scelta del finanziamento”.

factoring

Il factoring cresce, e scommettiamo che continuerà a farlo

15/11/2018

Nel 2017 la crescita del factoring è stata impressionante: +9% nel mondo, +7% in Europa e, in particolare, +9,5% in Italia. Crescerà ancora?